piccoli enigmi

SCACCHI

 

Vorrei proporre agli appassionati di scacchi, un mia variante (che insieme agli amici con cui la gioco da anni, la definisco "Rossella" o "col boia").

Si tratta di posizionare una pedina della dama (o altro ninnolo) sulle 4 case centrali della scacchiera, e iniziare a giocare tenendo presente che nessun pezzo può sostare su di esse (pena l'eliminazione del pezzo stesso) e che, invece, queste 4 case possono essere sorvolate da donna, torre, alfiere e cavallo.

Questa variante da luogo ad interessanti situazioni, tipo sacrificare un proprio pezzo per dare matto, etc...

Per lo schieramento iniziale dei pezzi, vedere foto 1.

Seguono alcuni enigmi, indovinelli ed altri miei giochi poetici sia editi (apparsi sulla rivista LA SIBILLA) che inediti.

Le soluzioni sono in fondo alla pagina.

 

INDOVINELLI

 

TULLIO DE PISCOPO IN CONCERTO

Con "Andamento lento" inizia sempre,

facendo un brodo di esotiche note,

a chi guarda sembrando, quando chiude,

senza capo né coda.

                                                                                                                                                                         

 

LAVORO (MALE) IN SVIZZERA

Sono frontaliere: che ci si può fare!

... Solo accettare ed essere contento.

Ma il capo (ed è perché sono di fuori)

è assai pesante: quante ritorsioni!

 

                                                                                                                                                      

ENIGMI

 

MEMORIE D'UN SACERDOTE

- Perdono! - sento dirmi con angoscia

da chi mi cerca per trovar risposta

a quei problemi in cui sembra annegare.

E concrezioni di rapprese lacrime

sopra vite in malora vedo; e cerco

la chiave perché libero sia il varco

e lì sgorgare possa nuova linfa.                                                                                                                                                                             

I passi sono tanti, ma di stoppa

è talvolta chi a vuoto li percorre,

se il dado della sorte è mal tirato.

                                                                                                                                                                                               

Ed io ignorando tratte conclusioni

che si usano emettere, continuo

ringraziando il Signore perché, sempre,

mi ha dato e dà quello che a lui richiedo.

                                                                                                                                                                         

 

SCIARADE

 

IL MIO AVO AVIATORE (4, 4 = 8)

Cosa rimane di quel vecchio aereo,

di chi azionava clochee leve varie,

e si esaltava in preda ad un delirio

anche se dalla terra non si alzava.

                                                                                                                                                       

 

 

 

 

SOLUZIONI

TULLIO DE PISCOPO IN CONCERTO (La tartaruga)

LAVORO (MALE) IN SVIZZERA (Le corna)

MEMORIE DI UN SACERDOTE (L'idraulico)

IL MIO AVO AVIATORE (Scia/Mano = Sciamano)

 

 

 

 

Foto 1: Schieramento iniziale nella variante "Rossella" o "col boia"